26 agosto 2016

A CAPO CHINO

20160822_0075b

Come il campo fosse
gremito da un popolo affranto.


20160822_0052a

Girasoli sfioriti

6 commenti:

Alberto ha detto...

Arriva l'autunno della vita. Belle e significative foto.

Vera ha detto...

Ciao Alberto il fatto è che il nostro "campo" italia è davvero gremito di un popolo affranto. Il lavoro, il terremoto il pasticcio costituzione-legge elettorale... Sono in molti ad essere a testa china.

Alberto ha detto...

Vedo molta gente stanca. È stanco il Paese.

Vera ha detto...

Sono stanca anche io Alberto, era il 74 ed io ero una ragazzina di 14 anni, non so come ne perchè mi appassionai alla campagna referendaria sul divorzio, mi accaloravo, discutevo, cercavo di convicere gli adulti che avrebbero votato. Ricordo la gioia quando la legge fu salva. A non ancora diciotto in parlamento si doveva approvare la 194 e anche allora feci il diavolo a quattro, scrivevo nei temi di italiano che se il papa avesse avuto l'utero l'aborto sarebbe stato libero e gratuito...
Poi con l'avvento degli anni ottanta l'Italia cominciò a cambiare è da allora che pian piano arretra, sempre più individualista, sempre meno laica sempre meno impegnata e meno di sinistra, con questa che riesce a fare le cose di destra che la destra non era riuscita a fare.
Manifestazioni col sole, altre sotto piogge battenti, come quel 25 aprile a Milano. Quelle contro le guerre , quelle per i diritti, Roma, Firenze...
E sentire il potere sempre più lontano dalle persone, sempre di più. Questa falsa sinistra che toglie diritti, che pasticcia la Costituzione; il NUovo ! il Nuovo,! Il Nuovo! Come se nuovo fosse sinonimo di migliore.
Intendiamoci non che non si possa cambiare qualcosa alla nostra legge fondamentale, ma bisogna vedere come.
Si sono stanca di arrabiarmi con i mulini a vento che ignari continuano a girare e a frantumare tutto con le loro macine.
Ma la testa no cazzo no che non la chino, e non gli darò quel sì, e non voterò cinque stelle.

vanessa varini ha detto...

Non ho mai visto dei girasoli sfioriti, la foto mi colpisce molto!

Vera ha detto...

Sono tristi, Vanessa, i girasoli sfioriti; tanto bello e gioioso un campo fiorito tanto desolato quello che attende d'essere falciato.
Le foglie ridotte a secchi brandelli pendenti, il fusto ruvido e avvizzito, il capo chinato chiazzato di macchie scure che col passare dei giorni si allargano fino ad essere completamente sechhi.
Sono molto metaforici i campi di girasole: una rigogliosa crescita, uno splendente mezzodì ed una lunga estenuante decadenza in attesa della mietitura.

Tra il resto due giorni prima c'era stato il terremoto tra Marche ed Umbria.